Obbligazione con scadenza 2 anni e cedola del 4%.

L’obbligazione di Mediobanca QuintoAtto 4% 2011/2013 (Isin IT0004760721), è un’obbligazione che ha una cedola del 4% distribuita su base annuale fino alla data di scadenza fissata per il 2 settembre 2013.
A fronte dell’attuale quotazione ancorata al nominale, il rendimento effettivo a scadenza ammonta oggi al 3,998%. Questo rendimento risulta essere inferiore di quasi 65 punti base rispetto ad un BTP dotato della medesima maturità (2 anni).

Quali rischi nell’investimento?

Oltre al solito rischio emittente (questa obbligazione ha un rating S&P’s di A+) questa obbligazione ha una breve durata e un’alta frequenza di cedole. Ciò comporta che essa ha una duration del 1.85 anni e ciò corrisponde ad una reattività del prezzo dell’obbligazione basso al variare dei tassi d’interesse.
Per quanto riguarda la coerenza del rendimento offerto dall’obbligazione, può tornare utile effettuare un’analisi comparativa tra il rischio di credito dell’emittente, mostrato dalla curva dei CDS spread, e l’attuale prezzo sul secondario. Se si utilizza il modello di JP Morgan per il pricing dei CDS, che permette di ricavare le probabilità di default (fallimento) implicite nella curva dei CDS spread, risulta che il fair value, cioè il prezzo che incorpora sia la probabilità di insolvenza dell’emittente in una delle scadenze che l’eventuale recovery rate (fissato convenzionalmente al 40%) , è pari a 97,922 euro, ossia 2,08 euro in meno rispetto al prezzo di vendita sul MOT.
Di conseguenza, il rendimento è in linea all’effettivo grado di rischio dell’obbligazione che in ipotesi di pareggio dovrebbe essere pari al 5,137%.